La Storia


Logo_sf_castiglione_del_lago….dopo un quarto di secolo il sogno continua. Nonostante la giovane età della neonata società “SF Castiglione del Lago”, sorta dal felice incontro tra le realtà calcistiche giovanili di Castiglione del Lago e Sanfatucchio, l’esperienza che i protagonisti di questa avventura si portano dietro nasce da lontano e risale a quasi 30 anni fa. Quella che inizialmente era solamente una passione sportiva diffusa tra la popolazione sanfatucchiese si è tradotta in azioni concrete nel 1988, quando per volontà di un paio di giovani genitori che desideravano dare uno sbocco ai sogni dei figli si è dato vita alla “Società Polisportiva Sanfatucchio”. Un sogno che ha iniziato a prendere sempre più forma e si è arricchito di nuovi fondamentali elementi soprattutto con la realizzazione della palestra prima (un vero e proprio gioiello se messo a confronto con gli impianti sportivi dell’epoca) e del primo campo da calcetto in erba sintetica poi. Intanto l’attività sportiva proseguiva, attraverso la partecipazione ai vari campionati provinciali e regionali, e procurava discrete soddisfazioni. Ma il coronamento di questa vocazione all’insegna del calcio giovanile è avvenuto con la nascita nel luglio del 2010 della nuova società, la “SF-Castiglione del Lago”, ancora oggi società di puro settore giovanile, unica in Umbria a partecipare sia nella categoria “Giovanissimi” che in quella “Allievi” al Campionato regionale A1. Partecipazione che tra l’altro ha suscitato l’attenzione di molte società professioniste, dal Gubbio al Castel Rigone, dal Perugia al Cesena che ogni anno richiedono qualche giocatore dalle nostre squadre. Una realtà quella della “SF Castiglione del Lago” composta da 218 tesserati, articolata in una quindicina di gruppi squadre e dotata di altrettanti istruttori (coordinati da un docente di scienze motorie), punto di riferimento di primo piano per i ragazzi del territorio dai 6 ai 16 anni che si vogliono misurare con il calcio. “I nostri obiettivi camminano su un doppio binario – tengono a far sapere i dirigenti -: quello dell’aggregazione e promozione sociale e quello sportivo-agonistico. Diamo una possibilità a tutti, indistintamente, di coltivare questa passione, senza trascurare il merito. Chi è dotato più degli altri infatti, grazie ai contatti che la nostra società da sempre ha con realtà più grandi e importanti, ha la possibilità senz’altro di emergere e farsi conoscere. Per tutti gli altri rimane la preziosa occasione di divertirsi e socializzare attraverso una sana pratica sportiva”. Motivo di vanto, dal novembre 2012, è il nuovo campo in erba sintetica che ha consentito alla società di fare un vero e proprio salto di qualità, essendo tra i pochissimi esempi di campo di nuova generazione per una realtà non professionistica. Un progetto reso possibile ancora una volta grazie al significativo impegno economico dei due Istituti di credito locali, Crediumbria e Banca Valdichiana, e dell’Amministrazione comunale. L’intera area sportiva è stata inoltre rinnovata e resa più accogliente con la ristrutturazione dei locali di servizio, dalla cucina al bar. “Forse però il risultato più importante – concludono i dirigenti – è quello di essere riusciti a conquistare la fiducia dei cittadini, anche di coloro che non si interessano di calcio. Fiducia che ci ha dato la forza di sostenere un impegno gravoso sotto tanti punti di vista. Abbiamo ancora bisogno di tutti, per il bene dei ragazzi, per farli crescere in modo sano sulla base dei valori della sportività”.